Biscotti con la sparabiscotti :D

E’ mia, è mia!! Trovata in offerta al supermercato, eccomi qui con gli esperimenti!

Devo dire che le ricette trovate nella confezione non mi hanno soddisfatta molto, così girovagando come sempre per il web ne ho trovate due in particolare molto interessanti, soprattutto in merito al fatto che con la sparabiscotti non si usa la cartaforno, ma solo la teglia così com’è! Ecco perché la prima volta mi sono venuti una ciofeca! Le altre volte sono venuti decisamente meglio!! 🙂

Evviva la pastafrolla montata, perfetta per la sparabiscotti! 😀
Certo, ci vuole un po’ di manualità e di prove… ad esempio io ho scoperto che “cliccando” due volte i biscotti vengono più larghi e più belli… basta vedere nella prima foto, un biscotto è con una sola “passata”, quello più largo è la stessa forma, ma con due 🙂

Un link è qui… e l’altro qui !

Annunci

Zuppa di lenticchie e wurstel

Una zuppa semplicissima da fare, ma molto gustosa!

Preparare un soffritto con cipolla, sedano e carote.
Aggiungere poi le lenticchie (o quelle messe in ammollo la sera prima o un barattolo a persona di quelle già confezionate avendo cura di eliminare l’acqua salata di conservazione) e acqua a coprire il tutto.
Una volta pronte le lenticchie, aggiungere una confezione di wurstel piccolini oppure a piacere quelli grandi tagliati a pezzetti finché diventano caldi.
Dare una spolverata a piacere di grana grattugiato o un giro di olio evo a crudo o una manciata di rosmarino tritato e servire 🙂

zuppa-lenticchie

Minestra di riso e verza

Questa minestra ha tanti ricordi, la faceva sempre la nonna quando ero piccola e ogni volta che la cucino il profumo è inconfondibile.

Neanche a farlo apposta, oggi avrebbe compiuto 88 anni e invece è già quasi un anno che ci ha lasciato…

E’ molto facile da fare, basta preparare un po’ di brodo (vegetale o di carne a piacere) e farci cuocere la verza tagliata fina a listarelle (tipo alla julienne, per capirci).
Una volta cotta aggiungerci il riso e a fine cottura, volendo, aggiungere anche un filo d’olio a crudo.

Per tre persone basta mezza verza tagliata e un pugno di riso per ciascuna persona.

Buonissima!!

Differenze tra paste frolle :)

Purtroppo, anche se di Giallo Zafferano amo molte ricette, quella della pasta frolla non mi ha soddisfatta per nulla…

Orrore! Mi ero dimenticata che anche Adriano aveva una ricetta per farla!

E così ecco qui, disperata dal brutto risultato, che la rifaccio ed ecco la differenza tra le due 🙂

E’ come la “pubblicità comparativa”, non dico quale è di chi perché non è nel mio carattere offendere nessuno, ma basta guardare… 🙂

paste-frolle-differenze

Polpette

Buon compleanno a me! 🙂

Oggi un pranzo abbastanza normale, ho voluto fare un piatto che mi riesce sempre e che faccio sin da piccola. Ricordo ancora di aver preso la ricetta da “Mani di fata” che nonna leggeva sempre 🙂

Innanzitutto mettere a bollire un pentolino con dell’acqua dove si farà sciogliere un dado (vegetale o di carne, a piacere).
Poi per tre persone prendere 750g di macinato misto e unirci due uova intere, del prezzemolo (meglio se fresco) e delle spezie per aromatizzare la carne (se volete anche sale, ma io non ne metto perché già il dado dà molto sapore); a piacere anche cipolla tagliata finemente.
Mischiare tutto amalgamando ben bene gli ingredienti. Prendere poi la carne e farne piccole palline con le mani e passarle nel pangrattato. Se l’impasto è molto morbido e non malleabile potete mettere il pangrattato direttamente nell’impasto della carne e farne poi le palline.
Metterle in una padella con poco olio e una volta girate velocemente aggiungere il dado e poi ancora acqua fino a coprirle. Lasciar cuocere a fuoco vivo girandole di tanto in tanto finché sono cotte!